Torta da levà, una torta della tradizione

torta da levà (14)

Ci sono storie che vengono tramandate di generazione in generazione, solitamente storie sulla guerra, della fame e della povertà, storie che solo tramandate a voce fanno capire quanto la vita fosse dura una volta..ma forse non raccontate abbastanza da far capire quanta sia stata grande la sofferenza in quegli anni e soprattutto da non far cadere le persone negli stessi errori del passato..

Non c’era solo sofferenza in quelle storie, ma anche la gioia delle piccole cose, come di semplici ricette fatte con pochi ingredienti ma che facevano subito festa.

In particolare questa torta, che adesso verrebbe definita un pan brioche, fatta di cose semplici e povere, ma che ha un profumo speciale, sa di casa, di famiglia e di ricordi.

I ricordi di mia mamma che sono guidati dal profumo di questo dolce che la accoglieva a casa quando rientrava da scuola, e quando era fortunata , accompagnato da una tazza di latte e cacao, una vera prelibatezza (perché, come dice lei,  il cacao di una volta era così buono, altro che quello di adesso!!).

Una torta che mi ha accompagnato sempre nella vita, ed ogni volta che viene fatta in casa facciamo a gara a chi addenta il primo boccone, con mia mamma che ormai si è stancata di raccomandarci di non mangiarla ancora bollente (ma nonostante ormai siamo grandi lo facciamo SEMPRE)!

La ricetta l’ha passata la mia bisnonna a mia nonna, la quale l’ha passata a mia mamma.

In noneso(il dialetto della Val di Non) la chiamiamo “Torta da levà” (letteralmente torta da alzato, o meglio torta da colazione)ma non so se è una ricetta della tradizione Trentina, o della Val di Non, ma per me è semplicemente una tradizione di casa mia!

Perciò quando ho ricevuto l’ invito al contest “i lievitati della nonna, recupero dei saperi e sapori di un tempo” da parte di Cucina Semplicemente in collaborazione con i Grandi Molini Italiani , ho pensato subito a questa ricetta.

Mi sono attenuta esattamente alla ricetta base, senza cambiare nulla perché per me è perfetta cosi.

Ho fatto un treccia, perché così l’ho sempre vista fare, anche se ogni tanto per velocità la facciamo nella teglia tonda classica (da 28 cm).

torta da levà (7)

Torta da levà, una torta della tradizione
 
Una ricetta buonissima, sana e si fa senza bilancia!
Author:
Recipe type: Torte per la colazione
Ingredients
  • 1 cubetto di lievito di birra fresco
  • 1½ bicchiere di latte tiepido (per me senza lattosio)
  • 1 uovo
  • farina Frumenta tipo 1, (come per tutte le ricette delle nonne si va ad occhio, ma pesandola ne ho messa circa 400 gr)
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiai di olio
  • 2 cucchiai di zucchero
  • uvetta circa una tazza (ma potete variare in base al gusto)
Instructions
  1. Mettere in ammollo l'uvetta con dell'acqua tiepida.
  2. Scogliere il lievito nel latte tiepido (usarne solo un bicchiere, l'altrà metà servirà dopo).
  3. Aggiungere un pizzico di sale ed un cucchiaio di zucchero.
  4. Mescolare bene e aggiungere un uovo.
  5. Incorporare bene la farina con una frusta finchè non si ottiene un impasto omogeneo abbastanza liquido (io ho messo 4 cucchiai di farina).
  6. Lasciar riposare coperto da uno straccio o tovagliolo di stoffa per circa 1 ora e mezza, stando attenti che non ci sia corrente d'aria o sbalzi di temperature.
  7. Quando avrà più che duplicato il suo volume, riprendere l'impasto e aggiungere il mezzo bicchiere di latte tiepido, 1 cucchiaio di zucchero, l'olio e l'uvetta precedentemente strizzata ed asciugata.
  8. Mescolare bene.
  9. Aggiungere farina finchè la pasta sarà morbida, omogenea e si lascerà quasi tirare (ma rimanendo comunque appiccicaticcia), per me sono serviti 12 cucchiai.
  10. (se volete farla nella teglia rotonda, trasferire l'impasto e lasciarlo lievitare per almeno 1 ora direttamente lì e poi mettere in forno).
  11. Coprire nuovamente e lasciar riposare per altri 40-45 minuti (deve raddoppiare il volume).
  12. Riprendere l'impasto e lavorandolo con un po' di farina ricavarne 3 porzioni uguali.
  13. Formare con le 3 porzioni dei "salsicciotti" e intrecciarli tra di loro, direttamente su una teglia da forno ricoperta di carta forno.
  14. Spennellare la superficie con del latte e decorare con dello zucchero in granella.
  15. Infornare a 180° per almeno 25-30 minuti.
  16. (per la torta ci vogliono 40-45 minuti).
  17. Lasciar raffreddare (se ci riuscite) e gustatelo con un'ottima tazza di cioccolata calda!
  18. Note:
  19. La torta non è molto dolce, ma ottima con della marmellata spalmata sopra.
  20. Non si conserva moltissimo (non so esattamente quanto perchè da me non dura più di mezza giornata), ma mia mamma l'avvolge sempre in un panno pulito, o altrimenti nella pellicola alimentare.

torta da levà (5)

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Grandi Molini Italiani

I-lievitati-della-nonna-GMI-600x250torta da levà (10)

About Laura

Amo cucinare, amo fare dolci, amo leggere, viaggiare tramite la fantasia o prendere un aereo e vedere nuovi posti, nuova gente e provare nuovo cibo! Amo fotografare (anche se non sono proprio brava), amo gli animali, in special modo i miei..in parole povere, amo la vita!! Laura
4 Comments
POSTED IN:


4 Responses to Torta da levà, una torta della tradizione

  1. ciao cara, ma sai che questa torta non la conoscevo proprio? Non amo l’uvetta ma si potrebbe magari sostituire con le gocce di cioccolato? 😀

    • Laura says:

      Ciao cara!Si, l’ho fatta anche con le gocce di cioccolato e viene buonissima anche così 🙂 (o anche con mirtilli o fichi secchi) 🙂 Fammi sapere se la provi! Un abbraccio!

  2. Valentina says:

    Ciao tesoro <3 Non conoscevo questo dolce, deve essere davvero buono, è invitantissimo! Complimenti anche per le belle foto <3 Un abbraccio forte, buon weekend :**

    • Laura says:

      Grazie mille!!! 🙂 Il dolce è buonissimo, per le foto cerco di migliorare, anche se la strada è lunga e in salita! 🙂
      Un abbraccio anche a te! :*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: